#incampoperbergoglio

13 Ago

Mercoledì 14 agosto, alle 20.45, la Nazionale di Cesare Prandelli  sarà impegnata all’Olimpico in un’amichevole di lusso contro l’Argentina. Gli Azzurri e la Albiceleste di Sabella scenderanno in campo per rendere omaggio a Papa Francesco, che nella giornata di oggi ha ricevuto entrambe le squadre nella Sala Clementina in Vaticano. Nella lista dei candidati della nostra Nazionale sono sette i rientri rispetto al gruppo che ha preso parte alla Confederations Cup. Tra questi il nome più rilevante è sicuramente quello dell’attaccante giallorosso Osvaldo. Seguono poi Florenzi (Roma), Verratti (Paris St Germain), l’attaccante del Napoli Insigne, i difensori Antonelli (Genoa) e Ranocchia (Inter), infine De Silvestri (Sampdoria). Non ci saranno invece né Balotelli né l’argentino Messi. Il forfait di entrambi era già nell’aria ed oggi è diventato definitivo: Italia-Argentina, la partita per il Papa che andrà in scena mercoledì, perde dunque due dei suoi sicuri protagonisti.  Il ritiro congiunto delle due nazionali è iniziato ieri, entrambe le squadre alloggiano  all’interno dello stesso albergo, nei pressi di Villa Borghese. Nel pomeriggio di ieri invece, l’Italia ha sostenuto il primo allenamento presso il Campo n.10 dell’Acqua Acetosa, mentre oggi alle 20 ha effettuato la seduta di rifinitura sul terreno di gioco dello Stadio Olimpico. Oltre 15mila sono i biglietti venduti già venduti, lo rende noto la Figc ma, almeno per ora, non è prevista la presenza del Pontefice allo Stadio.

Ci chiediamo se la partita di domani, più che una reale sfida nel vero senso della parola, potrebbe trasformarsi o meno in una grande festa. Molti saranno infatti gli italo-argentini presenti all’evento, che con il ” corazón partido” (cuore diviso) tra le due nazionali, non sapranno effettivamente per chi patteggiare. E’ ben nota infatti la fratellanza che lega questi due popoli: in Argentina  la comunità degli italo-argentini rappresenta il primo gruppo etnico del paese sudamericano e oltre il 50% della popolazione. Lo stesso Messi ha lontane origini italiane, essendo il suo trisavolo emigrato da Recanati a Rosario. Numerosi sono inoltre i giocatori provenienti dal paese sudamericano, che indossano le maglie delle squadre italiane. L’elenco sarebbe lungo. Basta fare qualche nome: il nuovo acquisto della Juve Tevez, lo stesso Osvaldo, che seppur nato a Buenos Aires,  gioca con gli Azzurri avendo la doppia nazionalità. Il già citato Higuaín, poi ancora Lamela (Roma), Palacio (Inter), Álvarez (Inter), Campagnaro (Inter), Biglia (Lazio), Fernández F. (Napoli), Romero (Sampdoria), Andújar (Catania). Questi ultimi, ad eccezione di Tevez, saranno tutti presenti il 14 sera all’Olimpico. Sarà dunque una “partita speciale”, così come Buffon l’ha definita, tanto per il pubblico che assisterà all’evento, quanto per il motivo originale per cui le due nazionali si affronteranno, ovvero onorare Papa Bergoglio, anche lui argentino doc. Insomma per una volta possiamo goderci la partita senza  troppa ansia, perché alla fine, in caso di sconfitta, sarebbero sempre i nostri fratelli d’oltre oceano ad aver avuto la meglio.

Immagine

#Silvia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: