Archivio | gennaio, 2014

#NuoviMestieri

29 Gen

Immagine

Il 42enne Giovanni Cafaro, campano, vive da 12 anni a Milano. La sua laurea in Scienze della Comunicazione poco gli è servita a ritrovare un lavoro. “Ritrovare” e non “trovare”. Perché, fino alla scorsa estate, Giovanni un lavoro ce l’aveva eccome: era direttore marketing di un’azienda di abbigliamento che ha poi chiuso battenti. Giovanni è ovviamente rimasto senza soldi e con un affitto da pagare. Curricula ne ha inviati: tanti, troppi. Ha collezionato colloqui su colloqui: ma sono stati tutti infruttuosi. Per andare avanti, Giovanni, il mestiere se l’è dovuto inventare di sana pianta. Ed il suo temperamento paziente gli è stato in questo di grande aiuto.

Oggi infatti il lavoro di Giovanni è quello di mettersi in coda al posto degli altri. Al posto di chi non ha tempo e voglia. Alla modica cifra di dieci euro l’ora, con tanto di ricevuta fiscale. “Lavoro in ritenuta d’acconto” garantisce Giovanni. “Se va bene apro la partita Iva, mi allargo e metto su un’agenzia”. Banche, supermercati, poste: Giovanni non disdegna nulla. Attualmente viene contattato da circa due clienti al giorno ma il lavoro è in crescita, anche grazie alla notevole pubblicità che si è fatto a Milano con 5mila volantini dal colore giallo e blu, con stampata sopra una proposta stravagante quanto allettante: “La tua coda allo sportello? Da oggi la prendo io”.

La pazienza è la virtù dei forti. In questo caso, la pazienza si è dimostrata anche un valido aiuto per ovviare alla scarsità di lavoro, in tempi di dura crisi.

#Michela

#ProntoPerVedereLaTv

28 Gen

Immagine

by  #Ignazio(Ignant)Piscitelli

#LeAutomobiliDiTânia

26 Gen

Immagine

Quelle delle foto di Tânia Cadima (Premio Fnac 2013) sono automobili particolari: abbandonate a se stesse, ad un destino incerto, divenute un tuttuno con gli scenari silenziosi e suggestivi in cui sono inserite, rappresentano qualcosa di più oltre alla loro semplice fisicità.

Per la fotografia questa serie di automobili sono una specie di autobiografia, una sorta di autoritratto, come del resto suggerisce il simpatico e fortuito gioco di parole nella sua lingua madre, il portoghese (auto-retrato).

Le automobili, afferma Tânia, conoscono di per certo i luoghi in cui lei e tutti noi abbiamo vissuto per tanto tempo. “I Know a Place Where These Cars Go” vuole appunto esplorare il congiunto dei luoghi fisici e di quelli della memoria verso i quali le auto portano ma che,al contempo, esse stesse costituiscono. Quel congiunto di luoghi in cui non solo lei in prima persona, ma tutti noi siamo condotti in preda ai sentimenti più svariati: molte volte infatti l’automobile è un rifugio, un nascondiglio dove andiamo ad isolarci dalle difficoltà quotidiane. Un luogo dell’anima di pace e silenzio, dove siamo liberi di meditare sulla nostra vita o di guardare le vite altrui scorrerci davanti, quasi lontane, in slow motion, attraverso il finestrino. Altre volte, un luogo dove inevitabilmente si compie il nostro fatale destino.

Queste automobili sono quindi, secondo Tânia, auto-rappresentazioni a trecentosessanta gradi, un valido ed eccezionale esempio di come la fotografia ha assunto un ruolo essenziale nel processo di conoscenza del sé.

Quello che è condensato in un’immagine non è una semplice idea ma è un intricato vissuto fatto di sogni, speranze e disillusioni. Tutto ciò che siamo e che sappiamo, tutto ciò che appartiene alla storia comune e alla nostra personale è impresso, indelebile, in ogni foto che scattiamo. E lì rimane per sempre.

http://taniacadima.com/cars

#Michela

#SexAndBeyond

23 Gen

Immagine

Si chiama Abdul Al Lily la novella Carrie Bradshaw dell’Arabia Saudita. O meglio, il novello. È infatti un lui, 30enne, professore, brillantemente laureato ad Oxford, famoso in tutto il mondo per un blog, “Sex and Beyond”, letto in 168 paesi e tradotto in diverse lingue. Ovviamente proibito nell’Arabia Saudita.

Abdul Al Lily è il primo blogger saudita a scrivere in inglese di sesso: fantasie sessuali, strategie di approccio uomo-donna, preservativo sì-no, fino ad arrivare alle abitudini igieniche post coito.

Ma oltre al sesso in sé c’è qualcosa di più. “Sex and Beyond” è davvero una finestra aperta sulla realtà di un paese in cui troppi aspetti della vita intima e pubblica sono tenuti sotto un rigido, insensato, tassativo controllo.

Molti “posts” del blog sono avvicinati a risultati di piccole inchieste anonime rivolte a donne e uomini: si tratta di un modo per fornire aiuto e conoscenze su particolari temi o, semplicemente, una maniera per soddisfare varie curiosità.

Una di queste riguarda la masturbazione femminile (http://ssbts55.wordpress.com/2013/12/11/sex-and-saudi-female-attitudes-to-masturbation/): su dieci donne saudite che hanno dichiarato di aver pensato alla masturbazione, solo una, di trentadue anni, ha affermato di averla praticata a volte, precisando che è più soddisfacente del sesso. I commenti delle altre, quasi tutte ventenni, vanno dalla convinzione che la masturbazione sia “una cattiva abitudine”, “un peccato poco salutare”, insomma, qualcosa di così terribile su cui non bisogna nemmeno discutere.

È ben evidente come questo blog ha lo scopo principale di far luce su aspetti di fatto sconosciuti alla/sulla società saudita, in primis relativi al sesso ed alle relazioni personali.

In Arabia Saudita vi sono diversi libri che parlano di sesso, scritti però dalle stesse autorità sociali che cercano, così facendo, di controllare la società, dicendo cosa è permesso o meno.

Il blog si propone dunque di colmare le lacune letterarie sulla sessualità nell’Arabia Saudita e di sfidare la censura: Abdul non dice infatti cosa va fatto e cosa è proibito, ma descrive le pratiche sociali, presenta fatti, promuove conoscenze e dà voce a tutti.

Se Abdul non avesse studiato fuori, questo blog non sarebbe mai esistito: è lui stesso a confessarlo. Il Canada ed il regno Unito lo hanno accolto, giovanissimo, e lo hanno formato. Poi, da adulto, Abdul ha deciso di far ritorno a casa. E di provare a cambiare qualcosa. “La differenza notevole fra l’Ovest e l’Arabia Saudita” afferma Abdul “mi manteneva sveglio di notte”.

Il prossimo step sarà un libro, o un film. O forse una trasmissione televisiva. Per parlare sempre più a tutti, per far crollare vecchi tabù, decisamente troppo ingombranti agli inizi del 2014.

#Michela

#ActionAidELoSport

23 Gen

Lo sport ha il potere di cambiare il mondo – scriveva Mandela – Ha il potere di suscitare emozioni. Ha il potere di unire le persone come poche altre cose al mondo. Parla ai giovani in un linguaggio che capiscono. Lo sport può creare speranza, dove prima c’era solo disperazione”.

Immagine

Oggi, 23 gennaio 2014, a Roma, presso la Camera di Commercio si è svolta la Conferenza Stampa di L’Italia dello Sport è con ActionAid, moderata da Marco Mazzocchi, Caporedattore Rai Sport.
Sono intervenuti Marco De Ponte, Segretario Generale di ActionAid Italia; Giovanni Malagò, Presidente del CONI; Mauricio Gomes Candeloro, Primo Segretario Ambasciata del Brasile in Italia; Adriano Coni, Responsabile Sostenibilità e Segretariato sociale RAI; i campioni sportivi Andrea Lucchetta, Simone Arrigoni e Stefano Baldini, e tanti altri ancora, tutti uniti per sostenere una buona causa.

L’iniziativa di ActionAid punta ad arrivare alle persone più deboli attraverso lo sport, inteso come strumento di riscatto sociale e di integrazione. Una sfida che si articolerà lungo tre grandi eventi, a loro modo rappresentativi dell’impegno e della passione che ActionAid da anni dimostra nelle sue azioni in difesa dei più deboli: la Fifa World Cup 2014, l’EXPO 2015 e i Giochi Olimpici Estivi di Rio 2016. In questo senso, ActionaAid lavorerà nel corso dei tre anni ad una grande opera di  sensibilizzazione sul diritto al cibo: l’Expo 2015, dedicata al tema  “Nutrire il Pianeta”, rappresenta infatti l’anello di congiunzione ideale tra due grandi eventi sportivi che si svolgeranno in Brasile.

Il punto di partenza è il Brasile, con un progetto per contribuire alla formazione e all’educazione civica di giovani e bambini attraverso lo sport e la creazione di classi doposcuola, nelle comunità di Heliopolis, la più grande favela di San Paolo. Il punto di arrivo è l’Italia, dove ActionAid realizzerà attività di sensibilizzazione e formazione per prevenire l’abbandono scolastico e migliorare gli spazi urbani del territorio, destinati a bambini e ai NEET (Giovani Not in Employment, Education or Training), giovani ormai quasi del tutto demotivati nel ricevere un’istruzione o una formazione, che non hanno un impiego, né sono impegnati in altre attività assimilabili, quali, ad esempio tirocini, stage o lavori domestici. Si tratta di un’emergenza sociale che caratterizza negativamente l’Italia dove, secondo l’OCSE, il 20% dei giovani tra i 16 e i 29 anni non ha ormai più alcuna motivazione nel ricercare un lavoro e opportunità per migliorare il proprio livello di formazione.

L’obiettivo è chiaro: coinvolgere, sensibilizzare e mobilitare il maggior numero di cittadini, istituzioni e media per dare sostegno ai progetti di ActionAid dedicati a milioni di persone che in Brasile, e in molte altre parti del mondo, soffrono ancora la fame e vivono in condizioni di estrema povertà.

Tutto ciò potrà essere realizzato solo grazie alla stretta collaborazione tra ActionAid e il CONI, con il coinvolgimento di importanti federazioni che hanno già aderito: FIN (Federazione Italiana Nuoto), FIR (Federazione Italiana Rugby), FCI (Federazione Ciclistica Italiana), FIPAV (Federazione Italiana Pallavolo), FIDAL (Federazione Italiana di Atletica Leggera), oltre ad alcuni enti di promozione sportiva come UISP (Unione Italiana Sport Per tutti), AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport) e altre che man mano aderiranno.

Un percorso lungo tre anni che vede la partecipazione di altri importanti interlocutori, stimolando e mettendo a frutto azioni sinergiche con le differenti realtà: Metro Italia, Associazione Stampa Romana, Gazzetta dello Sport. Il coinvolgimento e l’impegno della RAI costituiscono la migliore garanzia per il successo dell’iniziativa. 

 

ActionAid è un’organizzazione internazionale indipendente impegnata nella lotta alle cause della fame nel mondo, della povertà e dell’esclusione sociale. Da oltre 40 anni siamo a fianco delle comunità del Sud del mondo per garantire loro migliori condizioni di vita e il rispetto dei diritti fondamentali. ActionAid ha la sua sede di coordinamento in Sud Africa a Johannesburg e affiliati nazionali nel Nord e nel Sud del mondo.

#PilloleDiVita

13 Gen

Image

by  #Ignazio(Ignant)Piscitelli

#BigDiSanremoInConcertoABaku

11 Gen

Image

Il 18 dicembre la città di Baku ha ospitato la prima edizione del ‘Charity Show Sanremo’.

Tanti sono stati gli ospiti musicali della manifestazione canora svolta presso il Crystal Hall, il palazzetto dello sport della capitale dell’Azerbaijian.

Stelle dell’evento le star del Festival di Sanremo: Riccardo Fogli, Albano, Toto Cutugno, Ivana Spagna, Umberto Tozzi, Fiordaliso, Pupo, Matia Bazar, Ricchi e Poveri, e Tony Esposito, che hanno cantato tutti i loro successi più grandi in una delle mete turistiche più belle e importanti del Caucaso.

Ha presentato la serata in un Crystal Hall gremito di pubblico  la splendida Ornella Muti, che ha condotto lo show con i big internazionali della musica italiana, celebri anche da queste parti.

Nel coro di questa manifestazione musicale: Guya Canino, Emanuele Saulino e Daria Poriyazova.

Organizzato dall’Heydar Aliyev Foundation, fondazione di beneficenza guidata dalla First Lady dell’Azerbaijian Mehriban Aliyeva, impegnata nei settori dell’educazione, della salute pubblica, dell’ambiente e della cultura del paese.

Realizzato dall’International Star Music, che da oltre 20 anni lavora nell’ambito dell’organizzazione di eventi musicali in numerosissimi paesi.

Il ‘Charity Show Sanremo’ nelle prossime edizioni viaggerà tra l’Europa dell’est e l’Asia, portando le stelle della nostra canzone in tante capitali quali Astana, Yerevan, Pechino, Shanghai, e molte altre ancora.

#PromesseIpocriteDiInizioAnno

7 Gen

Image

Come ogni anno, ad inizio anno, si fanno promesse a bizzeffe, che puntualmente non vengono mantenute.
Siamo onesti. Quanti di noi hanno davvero portato a termine una delle promesse di Capodanno?


Tutti quei buoni propositi che durano da una settimana a un mese nel 99% dei casi.

E allora perchè, visti i continui fallimenti, si continua a promettere sapendo che quasi sempre non si riesce a mantenere i buoni propositi che ci si pone?

Perché sono troppo difficili da realizzare è la risposta esatta.
Se ci si accontentasse di desideri ridotti, piccoli, discreti (anche se magari all’apparenza un pò tristi), forse si riuscirebbe a realizzarli.
Ma invece si finisce per cedere all’idea del nuovo fantasmagorico anno risolutivo che può cambiare le nostre abitudini e la nostra vita, e ci si promette l’impossibile.
Tra i propositi più frequenti che vengono poi disattesi ci sono:

.

1 – “Devo smettere questa mia cattiva abitudine”.
Generico. Di qualsiasi cattiva abitudine si tratti: fumare, mangiare troppo, mangiare schifezze, attacchi di ira, dipendenza da internet, ammazzarsi di lavoro.
Ma fermiamoci un attimo, guardiamo in faccia la realtà, se non ci siamo riusciti fino ad ora, perchè dovremmo riuscirci il 1° di un gennaio di qualsiasi anno?

.

2 – “Mi metto a dieta, voglio perdere peso, costi quel che costi”.
Oddio, forse qualcuno ogni tanto ci riesce pure, eh..senza star qui per forza a fare i pessimisti.
Però molto spesso le diete non funzionano, non tanto perché non si riesce a perdere peso, ma perché poi si riacquista. E perchè? Perchè poi il problema non è la dieta, ma l’errato stile di vita. A volte è quasi impossibile (non mai impossibile), ma la chiave è tutta lì.
Non basta proometterlo prima dello scoccare della mezzanotte.

.

3 – Farò questo o quello ogni giorno, a partire da domani 1° dell’anno”.
Palestra, esercizi, beneficenza, volontariato, e chi più ne ha da promettere ne prometta.
L’errore sta nel dire: ogni giorno. È impossibile, lo sappiamo, dai.
Anche perchè poi basta anche una piccola scalfittura nel proposito, il saltare un giorno, che lo rende un fallimento, e noi giustificati ad interrompere la solenne promessa.
Prendiamoci un pò alla larga, promettiamo qualcosa, ok, ma non tutti i giorni…ma spesso!

.

Detto questo, buon anno nuovo a tutti, e buoni propositi a tutti!

.

…certo però che per colpa di queste righe ormai è tardi, flessioni e addominali li rimando a domani, doppia seduta, promesso!
😉

Image

#Simone

#FassinaChi?

6 Gen

Image

by  #Ignazio(Ignant)Piscitelli