Video

#LaDuraVitaDeiGayInRussia

5 Feb

Dal 30 giugno in Russia una legge federale vieta la propaganda di quelle che vengono definite “relazioni non tradizionali” in presenza di minorenni.

Per molti, i gay non sono definibili neanche come esseri umani, ma semplicemente giocattoli con cui divertirsi.

Secondo un sondaggio, l’88 per cento di quelli che si sono pronunciati a riguardo, è favorevole alla loro messa al bando. Il 47 per cento ritiene inoltre giusto che i gay non abbiano gli stessi diritti degli etero.

Per i gruppi neonazisti, che hanno una rete ben organizzata nel Paese, picchiarli è quasi un diritto.

Questi ultimi hanno evidentemente scelto la loro facile preda da perseguitare.

“Sei d’accordo sul fatto che dovremmo ucciderti?”, dice nel video uno di loro ad un giovane omosessuale inginocchiato per terra. Lui risponde: “Credo sia il mio destino”.

Il 7 febbraio a Sochi inizieranno i giochi olimpici invernali. Riusciranno i gay a far sentire la loro voce, all’interno della grande operazione di immagine che Putin ha curato nei minimi dettagli?

Disertano la cerimonia inaugurale tutti i paesi europei. Non vanno la Merkel, Hollande, Cameron. Neanche Obama, che a farsi rappresentare manda due sportive dichiaratamente omosessuali, la tennista Billie Jean King e Caitlin Cahow, giocatrice di hockey e attivista dei diritti gay.

Il nostro Enrico Letta sì, lui andrà, per ovvi motivi, che nulla hanno a che vedere con la tutela dei diritti delle persone omosessuali.

#Silvia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: